🇬🇷 Santorini

Quest’estate (2016) abbiamo deciso di andare in Grecia, in particolare a SANTORINI: l’isola è nata dalla grande eruzione di un vulcano che ha distrutto una grandissima parte dell’isola: un tempo Santorini aveva forma sferica, mentre ora ha la forma di una mezza luna, al centro della quale si può osservare la CALDERA, ossia il bacino nelle cui acque si trova la bocca del vulcano, a 400m di profondità. I villaggi che si affacciano sulla caldera sono diversi e offrono ai visitatori dei tramonti mozzafiato (I tramonti di Santorini infatti sono considerati i migliori al mondo!!!)

Il suo nome, “Santorini”, le è stato dato dai Veneziani, in onore di Santa Irene, una martire alla quale era dedicata una basilica nel villaggio di PERISSA (villaggio a Sud dell’isola).

Questa è la mappa dell’isola, per facilitarvi nella ricerca dei vari luoghi:

mappa-santorini

Noi abbiamo deciso di trascorrere 3 giorni ad AKROTIRI (nel Sud dell’isola) e 3 giorni ad OIA (nel Nord dell’isola) per riuscire a visitare il più possibile Santorini senza doverci spostare continuamente in scooter, risparmiando cosi’ per benzina e camera (la parte nord dell’isola, e in particolare  Oia, è molto più turistica e i prezzi sono molto più alti).

Arriviamo in aeroporto alle 23, ad accoglierci c’è un ragazzo incaricato di portarci all’hotel , ovviamente non parlava una parola di italiano e masticava solo qualche parola d’inglese.. Dopo aver sbagliato strada una o due volte e dopo aver chiesto informazioni qua e là riesce a farci giungere al nostro hotel “Goulielmos”, nel villaggio di AKROTIRI. L’hotel gode di una bellissima vista sulla caldera (era buio, quindi ancora non sapevamo della vista meravigliosa che ci aspettava)!!

SANTORINI (32).JPG
La vista della Caldera dall’Hotel Goulielmos

  

Giorno 1 – Akrotiri

–          Colazione a buffet in hotel, poi noleggio dello scooter (molto ben organizzato) direttamente in hotel tramite la reception: ti portano e vengono a riprendere gli scooter al termine dei giorni fissati (2 giorni = 48 ore effettive, 60 euro in alta stagione. Il prezzo è abbastanza alto, ma gli scooter consumano pochissimo).

–          A Sud del villaggio di Akrotiri (pochi minuti di scooter) si trova la famosa RED BEACH (dal parcheggio alla spiaggia c’è un breve sentiero roccioso un po’ scomodo, vi consigliamo di andarci con le scarpe ma portate comunque con voi delle ciabatte, più tardi vi dirò il perché…).

santorini-47
Red Beach

–          Dalla Red Beach si possono raggiungere, salendo su un piccolo battello (5 euro a persona andata e ritorno) le altre 2 spiagge vicine: WHITE BEACH e BLACK BEACH. Il tizio del battello era piuttosto strano ma pur sempre raccomandabile, ogni mezz’ora circa la barchetta era di ritorno e l’uomo gridava ogni volta “Black Beach, White Beach!” State certi che vi accorgerete del suo arrivo 😉

In alternativa, la Black Beach si può raggiungere anche in scooter tornando indietro e percorrendo un’altra strada, mentre la White Beach si raggiunge solo con il battello (altra cosa importantissima: Il battello, per lasciarti alla White Beach, ti fa scendere a 10 metri dalla riva, dove l’acqua ti arriva circa al torace, quindi eventuali borse le dovrai tenere sopra la testa per non bagnarle; non sarà lo stesso per la Black beach in cui il battello ti lascerà direttamente a riva).

–          N.B: sono tutte e 3 spiagge vulcaniche nate dall’eruzione del vulcano che distrusse mezza isola. Ci è stato raccontato da un abitante dell’isola che i colori delle spiagge sono dovuti ai colori dei 3 tipi di lava usciti dal vulcano (rosso, bianco, nero). Questa particolarità la ritroverete anche lungo la strada tra Thira (il capoluogo dell’isola) e Oia: le rocce delle montagne sono di quei 3 colori!!

–          Quindi, dopo aver pranzato in un bar molto carino sopra la spiaggia rossa, prendiamo il battello. Decidiamo di saltare la White Beach (è più piccolina rispetto alle altre due ma l’abbiamo comunque ammirata dal battello) e scendere direttamente alla Black Beach: è qui che vi serviranno delle ciabatte, da lasciare a riva quando andrete a fare il bagno poichè i sassi neri che compongono la spiaggia, oltre ad essere roventi, (il loro colore attira i raggi del sole) sono anche molto “spigolosi”.  In questa spiaggia avrete anche la possibilità di comprare un massaggio all’ombra (ammettiamo di aver resistito alla tentazione)!

–          Nel tardo pomeriggio torniamo in hotel a rilassarci e a cambiarci per la serata.

–          Sotto consiglio di un amico andiamo a cena al SANTO WINES (nel villaggio di PYRGOS, a 10 minuti in scooter da Akrotiri), un posto a dir poco MERAVIGLIOSO affacciato sulla caldera: qui i camerieri vi spiegheranno che vi porteranno diversi assaggi di vino prodotti a Santorini, da bere in ordine (per il loro sapore). Tra un bicchiere e l’altro ci è stato consigliato di mangiare gli stuzzichini a base di formaggio, olive e crostini (hanno la funzione di pulire la bocca per poter gustare il sapore del vino successivo).

SANTORINI (291).JPG

Il prezzo non è esagerato, anzi, per il servizio e lo SPETTACOLO del tramonto sulla caldera che vi si propone agli occhi è molto economico (25 euro a testa circa).

Terminiamo la nostra serata lì, osservando la pace del tramonto e del buio che piano piano calava sulla caldera, bevendoci una bottiglia di vin Santo (vino tipico, molto dolce), per poi riprendere lo scooter e tornare in hotel.

  

Giorno 2 – Akrotiri

–          Dopo la colazione in hotel prendiamo lo scooter e partiamo in direzione VLYCHADA, nel Sud dell’isola, dove si trova un piccolo porticciolo e qualche ristorantino, per poi proseguire verso le spiagge di PERIVOLOS e PERISSA (il lungomare, che collega i 2 villaggi, offre da una parte tantissimi ristoranti uno dopo l’altro, dall’altra i vari stabilimenti balneari). Prendiamo un ombrellone (10 euro tutta la giornata, compreso di 2 lettini molto comodi e spaziosi) e tra qualche bagno e un po’ di relax si fa ora di pranzo: è possibile ordinare direttamente all’ombrellone (i vari ristoranti sono collegati agli stabilimenti, altra cosa molto confortevole) quindi decidiamo di rimanere a mangiare sotto l’ombrellone per continuare ininterrottamente a godere del panorama e a rilassarci (i prezzi assolutamente onesti, siamo stati molto contenti).

santorini-364

–          Sul tardo pomeriggio ritorniamo in hotel e decidiamo di farci un giretto in scooter prima di cena (si possono trovare punti bellissimi da cui osservare la caldera).

–          La seconda sera decidiamo di tornare al SANTO WINES data la piacevole esperienza del giorno precedente: il copione è stato lo stesso, quindi siamo tornati a casa di nuovo molto rilassati ed entusiasti.

IMG_9765
Il tramonto dal Santo Wines

 

 

Giorno 3 – Akrotiri – Oia

–          Il terzo giorno, a mezzogiorno, avremmo dovuto cambiare hotel (la mattina sono venuti a riprendersi gli scooter), quindi decidiamo di passare una mattinata rilassante nella piscina dell’hotel. 

SANTORINI (320)

–          Dopo aver aspettato 20 minuti l’autobus che sarebbe dovuto passare ogni 5/10 minuti vicino all’hotel, abbiamo chiamato un taxi (50 euro) per non perdere troppo tempo e farci portare dalla parte opposta dell’isola, all’hotel “Panorama Apartment”, a 2 minuti in scooter da OIA, posizione molto comoda. (Se guardate la mappa iniziale si trova sulla strada tra FInikia ed Oia, ma diversamente da come potrebbe sembrare non ha vista sulla Caldera perché dietro ci sono le montagne. E’ quindi orientato verso Nord.

Come vi abbiamo accennato prima, lungo la strada tra Thira ed Oia ci sono montagne dei 3 colori della lava del vulcano!!

–          Dopo esserci sistemati, chiediamo alla reception di poter affittare uno scooter, la ragazza molto gentile e disponibile chiama l’addetto e quest’ultimo, dopo esser venuto a conoscenza del fatto che stesse avendo a che fare con italiani, ha deciso di non farci lo sconto!! Questa cosa ci ha sicuramente lasciati perplessi ma dopo averci fatto sopra due risate decidiamo di prenotare comunque lo scooter (50 euro 2 giorni) e andiamo a farci una passeggiata ad Oia.

–          Ad Oia ci siamo ritrovati completamente in un altro mondo rispetto ad Akrotiri: in giro tantissima gente, negozi, ristoranti, le classiche case bianche e le chiese con le cupole blu. Affamati, ci fermiamo a mangiare in un ristorante molto carino affacciato alla caldera (i prezzi sono più alti rispetto alla zona Sud, ma ne vale la pena). Passiamo tutto il pomeriggio ad Oia (era un bel po’ caldo), prenotiamo al “FANARI RESTAURANT” (10 euro di cauzione) per cena e torniamo in hotel a prepararci.

–          La sera raggiungiamo il ristorante, nel quale si stava svolgendo anche un ricevimento per un matrimonio (è un locale molto bello). Il panorama è stupendo, cenare con la vista del tramonto è bellissimo, ma il prezzo lascia un po’ a desiderare!! 50 euro in due, prendendo in totale un primo, un secondo e una bottiglia d’acqua, veramente troppo!!

–          Dopo cena ci siamo fatti una bella passeggiata, condita da moltissime foto!! Il bello della sera ad Oia è che se inizi a camminare per i vari viottoli, ti ritrovi in stradine sperdute che si affacciano sulla caldera e dalle quali si possono vedere le migliaia di luci dei vari villaggi: è stato veramente bellissimo!!

Una bella vista si può avere anche dal famoso castello Veneziano, dove, durante il tramonto, si ritrovano centinaia di persone per godere del panorama e scattare foto indimenticabili!!

–          Qui si conclude la nostra prima serata ad Oia, che come vi abbiamo detto in precedenza è completamente un altro mondo rispetto ad Akrotiri.

 

 Giorno 4 – Oia

–          La mattina facciamo colazione abbondante in appartamento (a 1 minuto di scooter c’è un supermercato) e con la nostra vespa bianca 50cc arriviamo alla famosissima AMMOUDI BAY, una bellissima baia vicinissima ad Oia (5 minuti in scooter).

–          E’ veramente un angolo che merita, nella baia ci sono vari ristorantini che danno direttamente sull’acqua color zaffiro!! Proseguendo verso la strada (a piedi) si può raggiungere in 2 minuti la zona balneare della baia (un consiglio è quello di arrivarci con le scarpe)!

SANTORINI (1190).JPG

–          Non c’è spiaggia, solo scogli, ma è abbastanza facile arrivare in acqua: l’acqua è profonda, solo in prossimità degli scogli è possibile toccare (sulle rocce). Consiglio di portare con voi una maschera da sub (se potete portatela da casa, sull’isola non sono per niente economiche), l’acqua è meravigliosa e piena di pesci, oltre che bella fresca!!

SANTORINI (1209).JPG

–          Stiamo nella baia a rilassarci fino a metà pomeriggio per poi andare a pranzare in uno dei ristorantini che vi dicevamo prima: il “SUNSET OIA” (la sera da lì si vede molto bene il tramonto ma dovete prenotare in ampio anticipo se volete un tavolo in prima fila).

Il rapporto qualità-prezzo è ottimo, siamo stati molto contenti (se riuscite fatevi dare un tavolo in prima fila, siete praticamente sull’acqua).

–          Al ritorno verso lo scooter incrociamo la scalinata che conduce direttamente in paese ad Oia. Una fila smisurata di tipici asinelli (dicono che si stiano estinguendo) occupava i gradini della scala, per 5 euro ti avrebbero riportato su in paese. Sarebbe stata un’esperienza carina, ma avevamo lo scooter di sotto e quindi abbiamo lasciato stare; ci siamo diretti verso l’hotel per sistemarci e ripartire la sera alla volta di Thira, il capoluogo!!

santorini-1454

–          In 15/20 minuti di scooter arriviamo a THIRA (la strada non è bellissima, bisogna stare attenti e in alcuni tratti non vi è illuminazione) , parcheggiamo davanti al Mc Donald (ammettiamo di essere stati tentati di mangiare qualcosa lì ma siamo andati oltre) e a piedi ci addentriamo nella città. Tantissimi vicoletti, come ad Oia, e tantissima gente. La città è molto carina (più caotica rispetto ad Oia) e a primo impatto non è facile orientarsi.

–          E’ “orario tramonto” e ci fermiamo a sedere in un localino riuscendo a conquistare il posto in prima fila, affacciato alla caldera: non smetteremo mai di ripetere che la vista della caldera, soprattutto al tramonto, è una cosa unica ed indimenticabile.

SANTORINI (1511).JPGsantorini-1644

–          Si fa buio, quindi ci facciamo una passeggiata per la città e ceniamo in un ristorante molto tranquillo ed economico, per poi riprendere lo scooter e tornare in hotel (prima passiamo a fare benzina e il nostro consiglio è: fate benzina quando siete sicuri che la userete, anche se non ne avete usata molta, perché i benzinai sono pochi, lontani tra loro e molti la sera chiudono).

–          La strada di ritorno era completamente buia (ripetiamo: non è una strada molto bella da fare, anche per le raffiche di vento che ogni tanto arrivano, ma se si va piano e si presta attenzione non c’è problema). Il buio permetteva però di vedere molto bene migliaia di stelle, purtroppo difficili da fotografare.

 

 Giorno 5 – Oia

–          Sveglia in tarda mattinata, colazione, e dritti a vedere IMEROVIGLI (se dobbiamo essere sinceri ci aspettavamo qualcosa di più). Il villaggio è costituito interamente di Hotel con piscine, è un villaggio lussuoso ma al di là di quello non offre molto.

SANTORINI (1696).JPG

–          Siamo stati lì poco tempo poi siamo tornati ad Oia per prendere i vari souvenir, pranziamo con dei panini e il pomeriggio torniamo alla baia di Ammoudi per un ultimo bagno sull’isola. Qui ci fermiamo tutto il pomeriggio a rilassarci sulle rocce, si stava divinamente!!

–          L’ultima sera torniamo ad Oia per cena (ovviamente sempre durante il tramonto).

santorini-1878

–          Ultime foto e poi a letto presto, la mattina ci saremmo dovuti svegliare presto per goderci l’ultimo giorno sull’isola.

 

 

Giorno 6 – Oia

–          La mattina colazione ad Oia, ultima passeggiata per il centro della città e ad ora di pranzo torniamo in appartamento per lasciare lo scooter e prendere le valigie!

santorini-1977

–          Prendiamo l’autobus per Thira (5 euro in due) e questa volta si che ci fermiamo al Mc Donald per pranzo!! A dire il vero siamo stati li un bel po’ di tempo perché eravamo molto stanchi e non sarebbe stato comodo girare con tutti i bagagli!!

–          L’aereo di ritorno era previsto per le 23 quindi verso metà/tardo pomeriggio andiamo in stazione a Thira (è il centro dell’isola, quindi da li’ partono autobus per tutte le direzioni) e prendiamo l’autobus che ci avrebbe portato in aeroporto.

–          Una volta arrivati ci fermiamo a mangiare in un locale attaccato all’aeroporto, aspettando di prendere l’aereo di ritorno 😦 

santorini-2023

(L’aeroporto di Santorini è veramente piccolo)!!

–          La sera tardi prendiamo l’aereo che fa scalo ad Atene (aeroporto molto grande e moderno) dove passiamo la notte e dove la mattina presto riprendiamo il volo di ritorno.

 

 

Qui si conclude la nostra vacanza estiva a Santorini, è stata veramente meravigliosa, i suoi tramonti sono veramente i più belli mai visti: la CONSIGLIAMO SICURAMENTE!!

 

Speriamo di esservi stati utili, dobbiamo dire di essere rimasti molto contenti di aver fatto 3 giorni ad Akrotiri e 3 giorni ad Oia, ve lo consigliamo nel caso abbiate una settimana nell’isola.

–          AKROTIRI: meno caotica e meno lussuosa ma le spiagge più belle sono al Sud (se siete interessati alla storia avrete anche la possibilità di visitare le rovine dell’antica Akrotiri, distrutta dall’eruzione del vulcano).

–          OIA: molto più bella esteticamente, come detto più volte è un altro mondo rispetto al Sud. Bellissima la baia di Ammoudi e tramonti spettacolari (ma quelli lo sono al Nord come al Sud).

Date un’occhiata al nostro video su YouTube e iscrivetevi al nostro canale!!

 

Se avete domande o vi serve bisogno per l’organizzazione del vostro viaggio non esitate a contattarci! Potrete trovarci su:

#EnjoyYourVoyage

2 commenti Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...